Il Progetto

LE BONIFICHE

Nel 2007 viene stipulato l’accordo di programma (AdP) con il Ministero dell’Ambiente per la bonifica e il ripristino ambientale del SIN Broni – Ex Fibronit.

La bonifica è divisa in tre lotti:

1

il 1° lotto, per il quale il Comune di Broni ha pubblicato il Bando nel 2010, prevedeva la messa in sicurezza dell’area attraverso incapsulamento delle fibre d’amianto e sigillamento delle aree produttive e si è concluso nel 2015.

2

Per i lavori del 2° lotto, attributi con Bando di gara del 05/10/2016 dalla Broni-Stradella Spa, prevede il completamento dei lavori di rimozione e smaltimento di tutto l’amianto presente nel sito;

3

Il 3° lotto, quello conclusivo, porterà alla demolizione e al definitivo smantellamento dell’ex complesso industriale.

LE FASI della bonifica/1° Lotto

1.
Incapsulamento permanente (con soluzione di tipo A) delle lastre di cemento-amianto costituenti la copertura ed i tamponamenti laterali dei capannoni;
2.
Installazione di lastre di tipo ecologico a tamponamento delle aperture;
3.
Tutte le aperture esistenti (per la maggior parte finestre) sono state chiuse con lamiere metalliche.

LE FASI della bonifica/2° Lotto

completamento dello smaltimento dei manufatti/tubazioni (non contenenti e non contaminate da amianto) collocati sui piazzali esterni dell’ex stabilimento;
bonifica da amianto delle porzioni interne dei capannoni esistenti tramite allestimento di camere confinate, svuotamento dei capannoni dai materiali presenti e decontaminazione delle strutture (pavimenti, pareti e soffitti e tutto ciò che è contenuto nei capannoni, ad esempio i macchinari produttivi ancora oggi installati) mediante aspirazione, pulizia, lavaggio e disincrostazione. Per contenere al massimo la diffusione di fibre aerodisperse nell’ambiente circostante e nel rispetto della normativa vigente, le operazioni di bonifica da amianto dei capannoni vengono realizzate con il sitema del confinamento dinamico cioè con l’impiego di sistemi di estrazione dell’aria che mettano in depressione il cantiere di bonifica rispetto all’esterno;
rimozione ed invio a smaltimento delle lastre in cemento-amianto che fungono da copertura e da tamponamento dei capannoni tramite opportuni interventi di confinamento;
bonifica delle vasche interrate presenti lungo il lato nord ovest di uno dei capannoni;
rimozione e smaltimento delle linee fognarie interrate che si trovano sui piazzali esterni dell’area; la bonifica si esegue allestendo due camere confinate, mantenute in depressione attraverso gruppi di aspirazione a filtrazione assoluta.

DURANTE TUTTE LE FASI DI BONIFICA È COSTANTEMENTE ATTIVO UN MONITORAGGIO AMBIENTALE, LUNGO IL PERIMETRO DELL’AREA E IN RECETTORI ESTERNI INDIVIDUATI IN ACCORDO CON GLI ENTI DI CONTROLLO.

 

Tutte le operazioni sono svolte nel totale rispetto della normativa vigente in materia di Ambiente e Sicurezza e in ottemperanza delle “Linee guida generali da adottare durante le attività di bonifica da amianto nei siti da bonificare di interesse nazionale”, prescritte dal Ministero dell’Ambiente.