La Storia

La fabbrica, attiva dal 1932 al 1994, è stata a lungo l’Industria della provincia pavese, dedita alla produzione di tubi con “bicchiere” monolitici di cemento-amianto, lastre ondulate per coperture, canne quadre per camini, pezzi speciali e raccorderia varia, occupandosi inoltre del trattamento e della preparazione di miscele di fibre di amianto (Crisotilo ed in minor parte Amosite).

Nata agli inizi del novecento e situata inizialmente esternamente al perimetro della cittadina di Broni, è rientrata nel tempo all’interno del reticolo cittadino, portando così l’azienda sempre più a contatto con case e luoghi frequentati quotidianamente dai cittadini.

Nel 1987, il filone di produzione di prodotti edili in cemento (secondo la tecnologia classica) fu ceduto alla Italcementi, mentre la lavorazione del cemento amianto rimase in capo alla Fibronit, che proseguì l’attività sino a che l’emanazione della legge che vietò la creazione di questi prodotti (257/92) portò alla definitiva cessazione delle attività nell’anno 1994.